Terra di selvaggia bellezza: la Basilicata

Basilicata

La Basilicata è una regione che rimane al di fuori delle classiche rotte turistiche ma che ha una varietà di paesaggi incredibili che vale la pena visitare almeno una volta nella vita. Le bellezze naturali si alternano a quelle architettoniche e paesaggistiche dando vita a scenari mozzafiato. Le chiese rupestri, i parchi archeologici e importanti testimonianze storiche rappresentate da edifici e rovine pregevoli rende la Basilicata una regione tutta da scoprire.

Chi decide di visitare questa piccola regione certamente non rimarrà deluso dalla sua ricchezza e varietà di paesaggi. Per un itinerario mirato a scoprire l’intera regione, sicuramente non potrà mancare una tappa nella cosiddetta città dei sassi ovvero Matera. Matera è una cittadina rurale suggestiva con la sua meravigliosa Cattedrale e il suo Parco delle Chiese Rupestri. Non perdete l’occasione di visitare le chiese scavate all’interno delle rocce e riccamente affrescate.

La Basilicata è anche Magna Grecia. In epoca remota fu colonia greca che aveva una sua basse a Metaponto. Il Parco Archeologico e le Tavole Palatine sono le mete più ambite per chi desidera fare un salto nel passato alla scoperta di importanti reperti archeologici. Imperdibile anche il Museo della Sirtide ubicato nel piccolo centro di Policoro. Sempre in questa parte della regione c’è il Castello di Diego Sandoval de Castro che si eleva sopra Nova Siri.

Chi si reca in Basilicata ha quasi l’obbligo di passare da Potenza, con la sua superba Cattedrale e le sue innumerevoli chiese ricche di tesori artistici e storici. In provincia si trova la cittadina di venosa che diede i natali a Orazio. Inoltre è possibile visitare il Parco Archeologico e l’Abbazia della Trinità. Tutto il centro storico è particolarmente interessante così come costituisce una meta imperdibile in suggestivo Castello di Pirro del Balzo.

La bellezza del territorio è indiscutibile e oggettiva. Sono tante le zone rimaste nel tempo naturali e incontaminate. Lì si può ammirare da vicino la natura del luogo con le sue piante tipiche e autoctone che prosperano nonostante la frequente siccità estiva. La varietà di panorami che si possono osservare è immensa: dalle zone rocciose a quelle boschive, dai piccoli specchi d’acqua alle coste sabbiose e rocciose lambite dai due mari.

Anche la varietà dei colori e dei loro cambi repentini non è da sottovalutare: il colore oro del grano maturo, il verde intenso dei pascoli, l’ocra dei massi e il blu cristallino del mare sferzato dal vento.

Per chi ama la montagna, in Basilicata ci sono le Dolomiti Lucane mentre chi preferisce rilassarsi con lunghi bagni in mare, c’è la costiera ionica. Non mancano poi innumerevoli percorsi naturalistici da percorrere a piedi e taluni in bici o a cavallo. La Murgia materana è come un labirinto fatto di sentieri a vari livelli di difficoltà, sia lunghi che corti per chi non è abituato a percorrere molti chilometri a piedi.

I vacanzieri che desiderano trascorrere un periodo in Basilicata avranno ampie possibilità di scelta per quanto riguarda le mete da visitare con calma e attenzione. Non è una regione che si presta al turismo mordi e fuggi ma bensì a un turismo slow. Non potrete dire di essere stati in Basilicata prima di esservi seduti a tavola e aver gustato i piatti tipici di questa terra nella quale ancora le influenze greche si sentono nell’aria ma soprattutto nelle specialità da gustare.